L’errore in rassegnaSe lo dice anche il dottore…

Il titolo di un articolo, tra le pagine di una rivista di gossip, mi informa che un vip ha problemi ai reni. Sinceramente, direte voi, perché devo condividere questa informazione essenziale in un l...

Il titolo di un articolo, tra le pagine di una rivista di gossip, mi informa che un vip ha problemi ai reni. Sinceramente, direte voi, perché devo condividere questa informazione essenziale in un lunedì mattina di sole? Avete ragione! Però, quello che mi interessa non è tanto condividere la notizia, quanto solleticare il sempre aperto dibattito “reni, al plurale, è maschile o femminile?”. Per toglierci ogni dubbio, c’è solo una cosa da fare. Prendiamo la parola rène e apriamo il vocabolario. Il sostantivo maschile indica ciascuna delle due ghiandole […] con la funzione di secernere l’urina. Ma non dobbiamo fermarci qua. Dopo gli esempi, il vocabolario invita a confrontare il lemma réni. E allora facciamolo. Scopriremo che il sostantivo femminile (unicamente plurale) indica la regione lombare. Ricapitolando: due accenti (e quindi due pronunce) diversi, due significati diversi per identificare, rispettivamente, il plurale riferito all’organo (maschile) e, in senso colloquiale, la schiena (femminile).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta