Mi consentoUn paese civile è un paese di indifferenti democratici

Delle città e dei paesi sviluppati ed efficienti (ordinati non è necessario) ho sempre invidiato la possibilità di fare la propria vita e dar il meglio di sé nel campo di elezione per talento o des...

Delle città e dei paesi sviluppati ed efficienti (ordinati non è necessario) ho sempre invidiato la possibilità di fare la propria vita e dar il meglio di sé nel campo di elezione per talento o destino. Uno in vecchiaia di questo è stanco, di aver vissuto fin da ragazzino nell’emergenza, della città natale prima e poi di tutto il paese, questa urgenza di fare e partecipare e tentare di cambiare le cose. Un paese civile è un paese di indifferenti informati, di democratici che vivono per conto loro, non di anime inferocite dal bisogno e dall’emergenza sempre pronte a gridare la loro rabbia. Io amo gli indifferenti.                                   (Vittorio Zambardino)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta