Storia MinimaAbbandonare il campo non è un gesto efficace contro i razzisti

Kevin Prince Boateng con la sua uscita dal campo durante l'amichevole Pro Patria-Milan a causa dei cori razzisti che i bustocchi gli indirizzavano, ha detto che si è superata una soglia. Era l’ora,...

Kevin Prince Boateng con la sua uscita dal campo durante l’amichevole Pro Patria-Milan a causa dei cori razzisti che i bustocchi gli indirizzavano, ha detto che si è superata una soglia. Era l’ora, finalmente! Ma quel gesto, per quanto nobile e condivisibile da ogni democratico, non fa male a chi dovrebbe e non lo isola (per esempio non gli sbarra definitivamente le porte di uno stadio) e dunque non funziona da deterrente.
Al contrario. Involontariamente, ma inesorabilmente, dà ai razzisti, la sensazione di essere forti, vincenti e, soprattutto, di disporre della vita degli altri. Proprio quello che bisogna evitare di fare di fronte ai razzisti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta