Mi consentoAngela Bruno, la donna che venne offesa due volte

Su questo blog abbiamo seguito da domenica la vicenda di Angela Bruno, la dipendente della Green Power offesa pubblicamente da Silvio Berlusconi con le sue frasi volgari e vergognose. Ieri abbiamo ...

Su questo blog abbiamo seguito da domenica la vicenda di Angela Bruno, la dipendente della Green Power offesa pubblicamente da Silvio Berlusconi con le sue frasi volgari e vergognose.

Ieri abbiamo qui riportato, non senza stupore, le dichiarazioni del giorno dopo della signora raccolte dal Corriere Veneto. La donna si sarebbe definita «onorata» per gli apprezzamenti del Cavaliere.

Quelle frasi, però, non sarebbero sue. Così afferma oggi la Bruno in una e-mail inviata al Corriere della sera e che qui riportiamo. «Buongiorno, sono Angela Bruno. Sono allibita da ciò che leggo oggi sui giornali. Finora non ho avuto modo di difendermi, quindi, a seguito rilascio la mia prima dichiarazione: In qualità di Donna e di Madre (le maiuscole sono nell’originale ndr), le battute del Cavaliere non mi hanno affatto onorato, solo imbarazzato». Poche righe arrivate via mail, in risposta ad alcune domande ricevute domenica, sempre via posta elettronica. 

Che cosa dire? Ormai sembra una telenovela. Ma sarebbe stato scorretto nei confronti della signora non riportare anche questa puntata.

Restiamo senza parole. Nel caso in cui davvero le avessero attribuito dichiarazioni mai rilasciate, ci troveremmo incredibilmente di fronte a una donna offesa due volte. Davvero molto triste. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta