Leccaprincipi e MamelucchiLa New York bianca in strada per il ragazzo nero ucciso

Continuano le manifestazioni a Brooklyn per il 16enne ucciso il 9 marzo con sette colpi di pistola esplosi da due agenti durante un controllo. Gli attivisti e la comunità del quartiere chiedono un'...

Continuano le manifestazioni a Brooklyn per il 16enne ucciso il 9 marzo con sette colpi di pistola esplosi da due agenti durante un controllo. Gli attivisti e la comunità del quartiere chiedono un’inchiesta indipendente.

“Dov’è la gente nera? Dov’è la gente nera?”, urla un ragazzo passando in bicicletta all’incrocio tra la 55esima strada e Church Avenue. A East Flatbush, nel cuore della Brooklyn afroamericana, un gruppo di attivisti di Occupy Wall Street ieri ha organizzato una manifestazione per ricordare Kimani Gray “Kiki”, il ragazzo 16enne freddato nel quartiere con sette colpi di pistola da due agenti della polizia di New York. Sono passati 15 giorni dalla sera del nove marzo e il punto dell’incrocio sul quale il corpo di Kimani si è accasciato a terra privo di vita si è trasformato in un altare pieno di ceri, foto, scritte. “Vogliamo giustizia”, “Siamo tutti Kimani Gray”.Continua a leggere su America24

Foto: ©ariannaconca via Hipstamatic

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta