A piedi nudiL’Ortochic è a Milano!

Moda e orto...poteva essere diverso in una città tanto chic come Milano? No. Ecco allora che da da oggi fino a domenica i milanesi, in una location di prestigio come gli storici e preziosi Chiostri...

Moda e orto…poteva essere diverso in una città tanto chic come Milano? No. Ecco allora che da da oggi fino a domenica i milanesi, in una location di prestigio come gli storici e preziosi Chiostri quattrocenteschi della Società Umanitaria, dietro al Palazzo di Giustizia e quindi nel centro di Milano, potranno conoscere e confrontarsi con un orto vero. Ma non un orto qualunque…bensì un orto chic!

E’ questo un evento che “vuole cambiare il mondo”, come dicono gli organizzatori, anzi di più…”affascinare e intrigare”.

La curiosità si fa più palpabile…che sarà mai? L’orto è un orto, no? E va bene : “La base è una mostra-mercato espositiva dedicata all’orto di città ma è anche l’occasione per portare una nuova idea di verde che produce frutto nel cuore della Lombardia più industriosa e di declinarla nei suoi aspetti più trendy e fashion”, spiegano ancora gli organizzatori.

Anzi le organizzatrici, perchè sono tre donne ad aver ideato questo speciale appuntamento: Chiara Besana, giornalista di costume e direttore di Oggi Sposi, Daniela Di Matteo, esperta di fiori e piante, nonchè blogger, e Francesca Lovatelli Caetani, esperta di moda e tendenze e poi direttore di Web Spot Magazine. E molti anche gli sponsor.

Non è che si è scelto un nome un pò altisonante?

Un nome di richiamo certo, ma pare che il motivo derivi dal fatto che ORTOCHIC ha due anime. ORTO perchè si vuole mettere in risalto un nuovo modo di vivere il verde, e quindi…orto sui balconi, sui terrazzi e anche nei propri quartieri. CHIC, perchè intende entrare nell’anima vera della città, che è quella della cultura e della moda… quella cioè “che ama le cose belle anche quotidiane e funzionali ma capaci nel contempo di farsi ammirare e di impreziosire noi e la nostra casa”.

Ma i messaggi non si esauriscono certo qua. In questi due intensi giorni si parlerà di biodiversità e di uno stile di vita diverso, si potranno conoscere ortaggi ed erbe sconosciuti o che la nostra memoria ha perduto nel tempo e si parlerà anche di salute e bellezza. Parole e fatti. Tanti infatti i workshop e i laboratori, non solo dedicati ai grandi, ma anche ai piccoli. Un esempio? I piccoli dai 15 mesi a 10 anni potranno avventurarsi in un percorso ludico-sensoriale per imparare a conoscere le piante dell’orto. Oppure in un minicorso di cake design potranno imparare a cucinare i biscotti-margherita, e poi trucchi con le erbe, letture, disegni e altro.

Per gli adulti è arrivata l’occasione per iniziare un orto nella propria casa…terrazzo o balcone che sia. La primavera è arrivata e i semi sono pronti per essere interrati nella torba. Non c’è soddisfazione migliore…che vedere affacciarsi dalla nera terra teneri e biancastri piccoli cotiledoni. Una vera emozione (come quella che sto vivendo io nella mia tomatoes nursery)! Vuoi mettere?

Conferenze, presentazioni, incontri. Parlare e fare. Insomma tante le cose da imparare e di cui non se ne può più fare a meno. Il verde ormai è diventato un grande protagonista della nostra vita e conoscerlo meglio ci riconduce ad una dimensione più umana e più…naturale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta