Il maleficio del dubbioCaso Scazzi, condannate Sabrina e la madre. E lo zio?

Dopo più di due anni dalla morte di Sarah Scazzi è arrivata la sentenza di primo grado: ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano, rispettivamente cugina e zia della vittima, per aver commesso...

Dopo più di due anni dalla morte di Sarah Scazzi è arrivata la sentenza di primo grado: ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano, rispettivamente cugina e zia della vittima, per aver commesso l’omicidio e otto anni di reclusione per Michele Misseri, per concorso nella soppressione del cadavere.

Mancano ancora due gradi di giudizio perché si possano considerare definitivamente colpevoli dell’omicidio le due donne (e, in particolare, non Michele Misseri). Ma guardando alle pagine dei giornali dell’8 ottobre 2010 si può già emettere una sentenza di condanna nei confronti del sistema dell’informazione e, in generale, di tutti noi.

Repubblica: Sarah uccisa, poi violentata
Corriere: Quel giardiniere che celava un orco
Libero: Lo zio orco che ha voluto farsi prendere. “Infine il colpevole ha confessato…”
Il Messaggero: (editoriale) La banalità dell’orco e il martirio di Sarah
La Stampa: Sarah, l’Italia sotto choc – Il corpo in una cisterna, per giorno lo zio-assassino ha mentito e pianto in diretta tv
Il Mattino: Lo zio orco “Sarah non ha sofferto”

Michele Misseri era il colpevole, l’assassino, l’orco. Colui che aveva ucciso Sarah e aveva abusato del cadavere. Nessuno – o molto pochi – in quel momento si è sforzato di mantenere la calma e si è ricordato che, anche l’uomo che confessa con le mani sporche di sangue, può non essere il colpevole. Può essere un folle, un innocente che si incolpa per non aver salvato la vittima, un co-responsabile dell’omicidio che vuole coprire i complici e così via.

I giornali, e in fondo quasi tutti noi, avevamo invece già deciso che quella confessione era vera, che lo “zio Michele” era un “orco”, e che (proposta della Lega Nord) come minimo si meritava il 41bis (il carcere duro). Dopo gli sviluppi della vicenda, dopo aver scoperto il dubbio prima e (sarebbe da augurarsi) la vergogna poi, dobbiamo dire “mai più” a condanne sommarie sbattute in prima pagina prima ancora di qualsiasi verifica. Così si finiva per bruciare le streghe ieri, i campi rom oggi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta