La schiena di GinoSiria, Assad supera la linea rossa delle armi chimiche

«La nostra intelligence ritiene, con diversi gradi di certezza, che il regime di Bashar Assad ha usato armi chimiche su piccola scala in Siria, precisamente gas sarin». Così Miguel Rodriguez, Dire...

«La nostra intelligence ritiene, con diversi gradi di certezza, che il regime di Bashar Assad ha usato armi chimiche su piccola scala in Siria, precisamente gas sarin». Così Miguel Rodriguez, Direttore dell’Ufficio Affari Legislativi della Casa Bianca, scrive in una lettera indirizzata al Presidente della Commissione Difesa del Senato, il democratico Carl Levin, e al senatore repubblicano John McCain.

Dopo diverse smentite, per la prima volta la Casa Bianca ammette che il Presidente siriano ha fatto uso di armi chimiche contro i ribelli, superando quella “linea rossa” che nell’estate del 2012 Obama aveva indicato come il limite oltre il quale l’atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti di Damasco sarebbe cambiato.

Nei confronti di una guerra civile che – come ha osservato Riccardo Redaelli su Avvenire – si è ormai trasformata anche in una guerra per procura, la differenza tra idea e azione appare ancora molto ampia. Gli Stati Uniti, che forse non hanno ancora una strategia precisa, sembrano volersi muovere con estrema cautela (di fronte alle tante difficoltà geopolitiche poste da Russia, Cina e Iran).

Una cautela saggia e, al tempo stesso, ottusa, proprio perché – come recita un verso di Rudyard Kipling«tra la lucidità e la follia c’è solo una sottile linea rossa».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta