Piccolo Spazio VitaleE venne il giorno in cui mi rasai un quarto di testa

Si, l'ho fatto. Ci ho pensato per qualche giorno, ho rimandato di qualche ora e poi...zac. Tagliato la ciocca. Devo ammettere che ho avuto un attimo di terrore, proprio da Urlo di Munch. Ma è ok. ...

Si, l’ho fatto.

Ci ho pensato per qualche giorno, ho rimandato di qualche ora e poi…zac. Tagliato la ciocca.
Devo ammettere che ho avuto un attimo di terrore, proprio da Urlo di Munch. Ma è ok.

Mi è proprio preso il panico, ho guardato la ciocca nel lavandino con la stessa angoscia con cui avrei guardato un dito staccato. Terrore.
Poi mi sono squadrata allo specchio e bom. Ormai era fatta, tanto valeva sistemare il taglio.

La domanda che ricevo più spesso è PERCHè.
E’ una bella domanda, cioè, davvero. Non sto scherzando, è molto ponderata.
La risposta non la so, quello che vi posso dire è che le donne, i cambiamenti, li affrontano con un cambio di capelli.
Io di solito mi faccio un colore, al massimo.
Ecco. Fatevi du calcoli.

La seconda domanda è… “Ma come fai con la ricrescita!?”

Per leggere l’articolo intero, clicca qui

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta