Scrivi con me un libro al giorno“Hallo mum, it’s me, Tommy” Tommy Winkley

Erano le 3 di notte per me, le 9 di sera in Italia, quando ho chiamato mia mamma: “Hallo mum it's me Tommy”le ho detto, con un tono di voce alto, sopra le righe, allegro fuori misura. Silenzio. Dop...

Erano le 3 di notte per me, le 9 di sera in Italia, quando ho chiamato mia mamma: “Hallo mum it’s me Tommy”le ho detto, con un tono di voce alto, sopra le righe, allegro fuori misura. Silenzio. Dopo 30 secondi circa: “Pronto, Tommasino, sei proprio tu?”, mi ha risposto mia madre, in italiano, come quando ero bambino, proprio uguale uguale. Peccato che Dik, unico testimone dell’accaduto, non possa parlare o perlomeno scrivere (almeno non credo, benchè da qule bastardo mi aspetti di tutto), perché solo lui potrebbe descrivere la mia faccia, con la bocca serrata a due centimetri dal telefono aperto. Tommy Winkley

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta