Sogni di meritoSe anche Enrico Letta cade nel populismo spendaccione..

Il premier Enrico Letta ha postato su twitter e facebook la seguente frase: "Ce l'abbiamo fatta! La Commissione Ue annuncia ora l'ok a più flessibilità per i prossimi bilanci per Paesi come l'Ital...

Il premier Enrico Letta ha postato su twitter e facebook la seguente frase:

“Ce l’abbiamo fatta!

La Commissione Ue annuncia ora l’ok a più flessibilità per i prossimi bilanci per Paesi come l’Italia con i conti in ordine. La #serietàpaga http://www.enricoletta.it/primo-piano/la-nota-di-palazzo-chigi-sullannuncio-di-barroso/ “

Francamente i toni baldanzosi del presidente del consiglio preoccupano non poco.

Un po’ di spesa in più per investimenti non risolve nulla se non tagli la spesa sprecona e improduttiva per abbassare le altissime tasse ai cittadini tartassati e spolpati.

Anzi, può fare anche peggio: posticipa di nuovo, in continuità con il passato, un conto sempre più salato che pagheranno le giovani generazioni, le quali dovranno dissanguarsi domani per le negligenze che la politica e il suo entourage commettono oggi.

Ora le nostre famiglie hanno, chi più chi meno, i risparmi per pagare le spese folli clientelari, gli sprechi e i privilegi di ieri, ma domani noi ventenni che risparmi avremo per pagare la mancata volontà di oggi di rivoltare l’Italia come un calzino?

Se tutte le aziende produttive chiudono per tasse e lentezza burocratica chi produrrà mai la ricchezza da ridistribuire a chi non produce nulla?

twitter @gioviravetta

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta