Scrivi con me un libro al giorno“I love you Roma” Tommy Winkley

E' scritto sulle tre magliette che ho comprato: una per me, una per John e una ... per Dik. E' successo ieri sera. Sono uscito dall'albergo, mi sono immerso in quel caldo afoso che è raro trovare n...

E’ scritto sulle tre magliette che ho comprato: una per me, una per John e una … per Dik. E’ successo ieri sera. Sono uscito dall’albergo, mi sono immerso in quel caldo afoso che è raro trovare nelle nostre metropoli americane, con quelle avenue larghe e spaziose, che creano delle correnti d’aria anche quando di aria ce n’è poca. Invece in Europa, in queste vecchie città, con queste vecchie streets incuneate tra palazzi tenebrosi, tutto si infogna. Mi mancava il fiato, tutto mi dava fastidio, fuck you Roma, mi ripetevo, fuck you Italy, però, ad un certo punto, quando un turista americano (ho riconosciuto l’accento) mi ha chiesto:”Are you italian?”, ho risposto: “Sì” Tommy Winkley

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta