Sogni di meritoPrima presero Mora, Fede e Minetti e fui contento…

Vox populi, si festeggia! Prima vennero a prendere Corona e fui contento perché doveva farsi i cacchi suoi.Poi vennero a prendere Tarantini e fui felice perché era un furbetto arrivista.Poi ven...

Vox populi, si festeggia! Prima vennero a prendere Corona e fui contento perché doveva farsi i cacchi suoi.

Poi vennero a prendere Tarantini e fui felice perché era un furbetto arrivista.

Poi vennero a prendere il Trota e fui soddisfatto perché non aveva studiato.

Poi vennero a prendere i Fede e i Mora e non mi diede affatto fastidio poiché erano promiscui.

Poi vennero a prendersi la Minetti e ci godevo un po’ perché non si spaccava il culo dalle sette del mattino ma viveva troppo bene.

Poi presero Fiorito e provai gioia perché er batman si era ingrassato un sacco con i soldi nostri.

Poi presero i sismologi dell’Aquila e stappai la bottiglia perché non avevano previsto il terremoto creando un sacco di vittime.

Poi pretesero il silenzio su MPS e i quattro miliardi bruciati ma non mi interessa perché si tratta dei buoni.

Poi presero, ma lasciarono prescrivere, il corrotto Penati e fui sollevato perché era il segretario del buon Bersani.

Poi presero Lavitola e fui divertito perché aveva contatti troppo importanti rispetto a quel che sembrava di valere.

Poi presero Bisignani e fui incuriosito ma felice perché faceva cose e vedeva gente. Poi presero Kabobo perché tirava il piccone e uccideva la gente. Ma lo rilasciarono perché perché sentiva le voci anziché la ragione e fui felice perché era indifeso e vittima, in fin dei conti non evadeva il fisco ma solo la sicurezza.

Infine presero Silvio e fui in paradiso perché vinceva sempre pur essendo antropologicamente ed eticamente inferiore.

Ma lui e la sua gente non volevano proprio accettarlo e, anzi, persistevano in vittorie non giustamente loro, governando al posto nostro. “Ma non è stato interdetto” Cosa? Bisogna risfidarlo?! Ma ormai è condannato in via definitiva. Non che ciò importi, era colpevole anche prima.

Twitter @GioviRavetta

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta