Alta FedeltàMail candidature cancellate? Scoppia caso Fiera a Bari

Un'immagine della Fiera del Levante di Bari Bari – E’ il dilemma che ogni anno i baresi si pongono, subito dopo quello sulla promozione del Bari in seria A: “A chi e dove posso presentare il mio c...

Un’immagine della Fiera del Levante di Bari

Bari – E’ il dilemma che ogni anno i baresi si pongono, subito dopo quello sulla promozione del Bari in seria A: “A chi e dove posso presentare il mio curriculum per lavorare alla Fiera del Levante”? Anche la 77esima edizione, anno 2013, non si sottrae alla fatidica domanda. Selezione esternalizzata, due aziende terze ad occuparsi della biglietteria elettronica, del controllo automatizzato degli accessi, dell’accoglienza e del settore controllo del quartiere. Bandito il sorteggio, vero e proprio Pomo della Discordia in passato.

Partiamo dalle dichiarazioni ufficiali, come ad esempio l’annuncio per il via alle selezioni del personale per la Fiera, sul sito del Comune di Bari: “L’Ente Fiera rende noto che, in occasione della 77^ Fiera del Levante, a seguito delle procedure di gara esperite ai sensi dell’art. 125 del d.lgs 163/2006, il servizio di biglietteria e controllo automatizzato degli accessi è stato affidato all’impresa Zucchetti Regulus srl (Sede legale a Lodi, Via Solferino 1). Pertanto le procedure di selezione del personale che si occuperà del suddetto servizio verranno svolte a cura dell’impresa aggiudicataria”. Cosa fare, quindi, entrando nel dettaglio? Stando alle informazioni date dall’ufficio stampa del Comune gli interessati dovranno inviare il curriculum vitae esclusivamente via mail all’indirizzo: info@zucchettiregulus.it.

“La gestione – si legge ancora sul sito del Comune di Bari – dei servizi fieristici ausiliari di welcome desk (servizio informazioni ai visitatori), infopoint di padiglione (assistenza espositori e visitatori, assistenza tecnica espositori), sicurezza non armata agli ingressi e all’interno del quartiere fieristico e accoglienza all’interno dei padiglioni è stata invece affidata a G.S.A. Gruppo Servizi associati soc. cons. p.a (Sede legale: Roma, via Palermo, 49), che curerà le procedure di selezione del personale”. In questo caso, gli interessati dovranno inviare il proprio curriculum vitae a m.santoro@grupposerviziassociati.it.

Una delle mail inviate e “cestinate” senza esser lette

Fin qui normali procedure, se non fosse che sulla pagina Facebook del Sindaco di Bari, Michele Emiliano, sul gruppo Facebook “No al Kirby” e in forma privata alla mia stessa casella mail siano state segnalate alcune ambiguità: “La mia ragazza – riporta un cittadino – ha inviato la mail di candidatura con la richiesta di conferma di avvenuta lettura. Le è tornato il messaggio che la sua mail è stata cancellata senza nemmeno essere letta. Anche quest’anno la solita farsa”. Diverse le segnalazioni pervenute: “Non si possono essere sbagliati – spiega un utente – per così tante persone. Fuori di qui [Facebook, ndr] ne conto altre che hanno avuto lo stesso trattamento. E non è difficile immaginare il motivo. Mai un’agenzia del lavoro può fare questo errore. Ora magari si sparge la voce dello sgamo e quindi eviteranno di cancellarle, ma la sostanza non cambia”.

Prontamente è arrivata la risposta dello staff del Sindaco di Bari: “O c’è un guasto al server oppure qualcosa non è chiara. Sono ditte esterne alla Fiera ad occuparsi delle selezioni”. Il consiglio di Michele Emiliano rimane quello di “chiamare la Fiera e le ditte per chiedere spiegazioni”.

L’immagine di un’altra delle mail stranamente cestinate

Dalle società, intanto, arrivano le rassicurazioni (“Le mail ci sono tutte”) e la garanzia di un semplice malfunzionamento: “Si è trattato di un sovraccarico del server a causa del grosso numero di mail pervenute”.

Update: in seguito all’articolo sono arrivate ulteriori segnalazioni che riguarderebbero stavolta altre ambiguità: “Mail di candidature cancellate senza essere lette, e mail che ti informano che le selezioni sono state chiuse solo dopo DUE GIORNI”. E ancora: “Meno di due giorni… il bando è stato pubblicato il giorno 4 alle 18:18, quindi praticamente le avrebbero fatte in un giorno”. Via mail, ecco le prove della sospetta chiusura selezioni già dal 6 settembre senza alcuna comunicazione ufficiale ma solo in risposta alle proposte di candidatura:

Un inghippo dell’ufficio stampa? Un’ingegnua dimenticanza? Un cliffhanger degno delle trame delle fiction di Canale 5 con Manuela Arcuri e Gabriel Garko? Fatto sta che i candidati, oltre al danno, hanno dovuto subire la beffa di una selezione lampo, senza neanche saperlo:

Alcuni dei messaggi comparsi sulla pagina Facebook della Fiera del Levante

Per qualsiasi segnalazione non esitate: s.damore85@gmail.com

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta