Zhongnanhai e dintorniCina: addio al figlio unico?

Non solo riforme economiche: il terzo Plenum del Comitato Centrale del Partito comunista cinese - in programma dal 9 al 12 novembre  - potrebbe segnare una svolta anche in un ambito “famigliare”. S...

Non solo riforme economiche: il terzo Plenum del Comitato Centrale del Partito comunista cinese – in programma dal 9 al 12 novembre – potrebbe segnare una svolta anche in un ambito “famigliare”. Secondo quanto riportato dal First Financial Daily, la Cina popolare si preparerebbe a dare l’addio alla politica del figlio unico introdotta nel 1980 (per abbassare il tasso di natalità negli anni Settanta era stata avviata la campagna “Wan shi shao” ovvero “tardi, di rado, pochi”).

Secondo la fonte anonima citata dal quotidiano potrebbe essere consentito di avere un secondo figlio alle coppie in cui uno dei coniugi viene da una famiglia con uno solo. Resta da capire se questa questa riforma avverrà attraverso sperimentazioni in alcune città o province, oppure in diverse fasi estese a livello nazionale. Certo è che sulle autorità cinesi pesano le preoccupazioni generate dall’aumento delle persone con età superiore ai 60 anni.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta