Doppio (s)maltoFrancesca Pascale e i fagiolini della spending review

In questi giorni ho scoperto che il caro-vita colpisce proprio tutti, senza esclusione! Ho scoperto, grazie ad una mirabilante intervista a Francesca Pascale, soprattutto, che frutta e verdura hann...

In questi giorni ho scoperto che il caro-vita colpisce proprio tutti, senza esclusione!
Ho scoperto, grazie ad una mirabilante intervista a Francesca Pascale, soprattutto, che frutta e verdura hanno raggiunto dei prezzi ormai inaffrontabili anche per Casa Berlusconi, figuriamoci per gli altri!

Nella fattispecie, quel gran furbacchione del fruttivendolo di Arcore, vendeva i fagiolini a 80€ /kg… si, avete capito bene, 80€/kg!
Praticamente a peso d’oro! Alla faccia del Bio!

E il peggio è che è dovuta arrivare Francesca Pascale nella vita (domestica) di Berlusconi affinché qualcuno si accorgesse che la gestione dell’economia di Casa B fosse quanto mai allegra!
A parte l’arguzia del fruttivendolo che probabilmente giustificava il prezzo del fagiolino con una coltivazione a mano, uno per uno, innaffiati con acqua e Chanel n. 5, non voglio pensare a tutto il resto!

Può un ortaggio essere il campanello d’allarme di una conduzione di vita dissoluta?
Se tanto mi dà tanto, quanto avrà speso per tutto il resto? E quali sono stati i tagli che la Pascale ha dovuto fare?

Attenti, fornitori: fate veloce, perché la novella Thatcher italica di Casa Berlusconi non avrà pietà di nessuno!

Caro Silvio, una volta era Forza Italia, ora è OK il prezzo è giusto? Rimanendo in tema, nel frattempo, il pranzo è servito… almeno quello!

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter