Guarda bene la bollettaNessuna riduzione delle bollette.

Nessuna riduzione delle bollette, nonostante le dichiarazioni dei vari Ministri, che si alternano allo Sviluppo Economico, ai quali fa comodo e audience dichiarare l’impossibile. I decreti devono, ...

Nessuna riduzione delle bollette, nonostante le dichiarazioni dei vari Ministri, che si alternano allo Sviluppo Economico, ai quali fa comodo e audience dichiarare l’impossibile.

I decreti devono, inesorabilmente, fare i conti con un Parlamento in mano alle lobbies, che ne annullano la sostanza.

Paghiamo le bollette più care in Europa, e di decine di punti percentuali; con un’energia così cara ogni possibilità di ripresa è esclusa, come è precluso qualsiasi risparmio dei consumatori. Le bollette sono un tabù, tutto italiano, dei veri e propri bancomat al servizio del sistema.

Ma questa volta si sta toccando davvero il fondo. Anzi, poteva anche andare peggio perché, inizialmente, pensavano, nientemeno, di ridurle a debito, facendo emettere dei bond al gestore, un’idea folle e, per ora, fortunatamente accantonata.

Ora hanno previsto che le bollette potranno essere marginalmente (meno di un punto percentuale) ridotte, solo se i produttori di energia rinnovabile accetteranno, volontariamente, di spalmare i sontuosi incentivi che ricevono su un periodo più lungo. Ci chiediamo chi ci possa stare.

Ma la prova che il sistema non potrà mai essere corretto è l’ultima e fantasmagorica idea di ipotecare, fin d’ora, le eventuali riduzioni delle bollette, come Stefano Agnoli spiega sul Corriere.

http://www.corriere.it/economia/13_dicembre_20/beffa-coperture-non-pagare-l-imu-saltera-riduzione-bollette-elettriche-443c1966-695c-11e3-95c3-b5f040bb6318.shtml

Attendiamo con ansia che ci raccontino la prossima balla ma non fatevi illusioni, le bollette aumenteranno, anche il prossimo anno. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta