L’altro occidentePerchè l’Australia può essere un modello per l’Occidente

Inizio da oggi a scrivere delle brevi note sul paese in cui ho scelto di vivere assieme a mia moglie  i prossimi anni.  Ringrazio Linkiesta, che reputo il miglior aggregatore di notizie e blog d’It...

Inizio da oggi a scrivere delle brevi note sul paese in cui ho scelto di vivere assieme a mia moglie  i prossimi anni.  Ringrazio Linkiesta, che reputo il miglior aggregatore di notizie e blog d’Italia, per l’ospitalità.

L’Australia, pur essendo una relativamente piccola nazione di 23 mln di abitanti, è membro stabile del G20 e 12ma economia del mondo, seconda nazione al mondo (dietro la Norvegia) per Indice di Sviluppo Umano secondo le Nazioni Unite.

Le altre peculiarità, rispetto agli altri paesi occidentali e sviluppati, sono la marginale rilevanza delle attività manifatturiere nella formazione del PIL, una coesione sociale assolutamente superiore a quella americana, unita ad un dinamismo assolutamente superiore a quello europeo, che non conosce recessione da oltre un ventennio. Questo è l’unico paese OCSE a crescere ininterrottamente da oltre 20 anni. Neppure la crisi mondiale del 2007 ha portato il PIL australiano in negativo per due semestri consecutivi.

Proveremo in queste pagine, dai prossimi post, a capire di cosa è fatto il “miracolo australiano” e se sia esportabile ad altre latitudini.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta