Sogni di merito“Basta austerità” di Napolitano non ha senso. Così come i post del Fatto Quotidiano.

Come ogni cavolo di giorno, uno stato del cavolo per like facili da parte della pagina ufficiale del Fatto Quotidiano (qualcuno ha idea di chi sia il responsabile che li scrive quei stupendi haiku?...

Come ogni cavolo di giorno, uno stato del cavolo per like facili da parte della pagina ufficiale del Fatto Quotidiano (qualcuno ha idea di chi sia il responsabile che li scrive quei stupendi haiku?!).

Il post diceva circa questo, non ho voglia di andare a rileggere, troppo nervoso di prima mattina, “Napolitano convertito sulla via di Strasburgo, -Basta austerità, i paesi devono tornare a crescere/stare meglio-. Ma non era lui che aveva voluto Monti al governo per lacrime e sangue?!”.

E qui mi infurio perche parte il “contest cialtroneria”, infatti Monti, così come Napolitano che chiede “basta austerità”, ha al massimo aumentato le tasse. E basta.

La spesa, al netto o meno degli interessi, NON É MAI DIMINUITA. Mai tagliata, al massimo infime parti riallocate (ovviamente facendo danni).

Ma di quale austerità parlano tutti? Forse quella dello yatch di stato di Napolitano o quella delle ostriche e lussi vari di Fiorito? O forse quella dei non costi standard alla sanità calabrese? O quella dei 7500 forestali siciliani regolarizzati solo due settimane fa?

Solo il fallimento si merita questo paese, per questi giornali farlocchi ed aizza popolo tanto quanto i beceri politicanti italici. Che già non sono pochi.

Twitter @gioviravetta

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta