MarginiMangereste Peppa Pig?

Oggi lo strillone del giornale locale portava questo titolo "Trovate tre zampe di cane arrostite. Denuncia degli animalisti: lo hanno mangiato".Ho pensato semplicemente che tale denuncia dovrebbe ...

Oggi lo strillone del giornale locale portava questo titolo “Trovate tre zampe di cane arrostite. Denuncia degli animalisti: lo hanno mangiato”.
Ho pensato semplicemente che tale denuncia dovrebbe valere per tutti gli animali dotati di sistema nervoso centrale. In effetti l’habitus che induce a denunciare come riprovevole la cinofagia (e suppongo la gattofagia) è data dalla semplice coabitazione che crea un rapporto affettivo con l’umano, e dunque una analogazione interspecifica.. Ma si potrebbe coabitare con scimmie, pappagalli, galline, maiali, mucche, cavalli, serpenti, koala etc. a patto di avere una casa sufficientemente grande. Voglio dire, se uno si indigna per un cane mangiato, deve indignarsi anche per una mucca o una lepre o un fagiano. Quindi ritengo che o non ci si debba indignare per l’una, o ci si debba indignare per tutte. Dunque, se posso, mangerò solo vegetali, o animali senza sistema nervoso centrale. Posto che ce ne siano. Almeno a livello di principio. Agli amici carnivori dico: siate coerenti, mangiate anche il vostro cane, gatto, pappagallo o pidocchio dei capelli. Sarete sempre ingegneri e bancari, matematici e disoccupati rispettabili.

Post scriptum: i nostri figlioletti under 5, tra qualche anno, saranno tutti vegani. Come faranno a convincersi che il würsterl suino possa non essere il George che gridava “Dinosauro!”?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta