IL blog di MalihRenzi, il televenditore con le slide

Le notti televisive sono popolate da venditori di tutte le risme. Puoi trovare le ragazze succinte che mostrano quello che presumono essere il meglio di sè nella speranza che qualche sonnambulo ab...

Le notti televisive sono popolate da venditori di tutte le risme. Puoi trovare le ragazze succinte che mostrano quello che presumono essere il meglio di sè nella speranza che qualche sonnambulo abbocchi e alzi la cornetta. Così come puoi trovare molti altri generi di televenditori: si va dagli orologi ai tappeti, ai vari attrezzi per la cucina e per tutte le necessità domestiche. Dai quadri ad altri oggetti d’arte. Senza dimenticare le maghe e le fattuchiere. Detto tra perentesi, personalmente ho un debole per i venditori di idropulitrici.
Queste genere di televisione ha dato agli annali anche personaggi di tutto rispetto, del calibro per intenderci di Vanna Marchi e di Roberto detto il Baffo.
Lavorando di zapping, c’è da dire che i televenditori non operano solo a tarda notte. Sono molto attivi anche di giorno: vedi la Permaflex ad esempio. Solo che di notte, uno magari non ha la piena padronanza di sè e questo senz’altro rende più agevole rifilare qualche patacca.
Ebbene. La presentazione televisiva da parte di Renzi del suo Jobs Act mi ha fatto lo stesso effetto. Guardandolo e ascoltandolo mi è sembrato avesse la stessa disinvoltura, lo stesso savoir faire, la stessa mimica, lo stesso look… in una parola la stessa classe dei televenditori di idropulitrici. Solo un tantino più autorevole per via delle slide.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta