#ildiscorsodelreNetflix vuole il cuore dell’Europa. Ma in Italia?

Questa volta è diverso. Sarà la lingua. O il più grande passo da tre anni a questa parte. L’ultima grande puntata furono infatti America Latina e Caraibi. Ma adesso Netflix vuole il cuore dell’Euro...

Questa volta è diverso. Sarà la lingua. O il più grande passo da tre anni a questa parte. L’ultima grande puntata furono infatti America Latina e Caraibi. Ma adesso Netflix vuole il cuore dell’Europa.

Così, entro la fine del 2014, sbarcherà in Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Germania e Austria dopo aver già raggiunto Gran Bretagna, Irlanda, Danimarca, Finlandia e Norvegia.

La società di streaming on demand, noleggio Dvd e videogiochi via internet resa celebre dalla serie House of Cards che vede tra i suoi protagonisti Kevin Spacey, cerca dunque altri spazi di crescita per aumentare il suo bacino di abbonati: 48 milioni quelli mensili in tutto il mondo, di cui 35,7 soltanto negli  Stati Uniti in un mercato in forte espansione. Solo per dare un’idea, infatti, lo streaming Netflix, insieme a quello di YouTube, occupa metà del traffico Internet in Nord America.

Ma in Italia? Bisognerà attendere.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta