AltrospazioHa pagato il “polentone”

Il sistema Galan si è retto per vent'anni grazie al grandissimo consenso elettorale di cui ha goduto l'asse Forza Italia/Lega. Leggo da più parti epiteti quali "ladro", "farabutto", "manigoldo", in...

Il sistema Galan si è retto per vent’anni grazie al grandissimo consenso elettorale di cui ha goduto l’asse Forza Italia/Lega. Leggo da più parti epiteti quali “ladro”, “farabutto”, “manigoldo”, insomma cose così. L’onesta intellettuale imporrebbe però un minimo di autocritica da parte del cd popolo serenissimo, che si è dato con il voto il Governatore che oggi viene così pesantemente insultato.

Onestà intellettuale vorrebbe anche che si ammettesse che in questi lunghi anni, gli amici e gli amici degli amici del “doge”, hanno potuto godere di privilegi economici e politici dei quali oggi nessuno fa cenno.

Piccoli tribuni/politici locali, professionisti devastatori di territori, dirigenti della nostra Sanità…tutti ben introdotti in vantaggiosi meccanismi di potere. Insomma l’arresto di Galan è solo la punta dell’iceberg, la montagna silenziosa di chi non ha voluto vedere, di chi non ha voluto sentire o di chi ne ha semplicemente approfittato. In galera è finito il polentone, ma, dietro la lavagna, gli invitati di pietra sono tantissimi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta