Pop cornIl talento di Mr. D’Amore

Ci sono diversi modi di affrontare argomenti importanti.Così come ci sono diversi linguaggi che possono essere utili a raccontare, suggerire scenari, a stimolare pensieri. L'abilità di un attore, ...


Ci sono diversi modi di affrontare argomenti importanti
.
Così come ci sono diversi linguaggi che possono essere utili a raccontare, suggerire scenari, a stimolare pensieri. L’abilità di un attore, ad esempio, è proprio quella di parlare attraverso il proprio mestiere. Proprio così , Marco D’Amore, invitato a raccontare la sua idea di Sud durante ReStartSud, ha scelto di raccontare il “suo Mezzogiorno” attraverso un monologo. Il testo recitato è da Rondo’, di Enzo Moscato, dallo spettacolo Rasoi (Regia Martone-Servillo).

L’arte ed il talento di D’Amore, hanno creato un atmosfera unica nel Teatro Stabile di Potenza, catalizzando completamente l’attenzione del pubblico che si è sciolta alla fine con un forte e commosso applauso. Su D’Amore ci sono molti commenti positivi, e per tanti addetti ai lavori è uno degli attori emergenti del cinema italiano che ritroveremo negli anni a venire. Le emozioni provocate da questa sua interpretazione, confermano questi pareri e rafforzano maggiormente il giudizio pieno di entusiasmante del suo pubblico.

Questo il video del suo monologo, un arco di bellezza e di arte che solo un talento come il suo può generare. Ecco perchè il Sud può vantare molta luce e mettere in mostra la sua più autentica bellezza, con coraggio e senza paura del futuro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta