Banchiere di provinciaAutoriforma BCC; chi gufa ci allunga la vita

Ancora qualche giorno per conoscere il decreto del Governo sul futuro del Credito cooperativo, ma a leggere i giornali che giovedì riferivano del rinvio del provvedimento è autorizzata una sana dos...

Ancora qualche giorno per conoscere il decreto del Governo sul futuro del Credito cooperativo, ma a leggere i giornali che giovedì riferivano del rinvio del provvedimento è autorizzata una sana dose di ottimismo. E questo perché il sistema BCC tratteggiato dalle indiscrezioni della stampa è, nella sostanza, quello progettato dall’AUTO-riforma redatta da Federcasse, quindi una Capogruppo a garantire solidità e autonomia delle singole BCC.

..il decreto del Governo sul futuro del Credito cooperativo… è, nella sostanza, quello progettato dall’AUTO-riforma redatta da Federcasse, quindi una Capogruppo a garantire solidità e autonomia delle singole BCC.

Non mi dilungo oltre, perché il decreto, che sarà licenziato dall’Esecutivo insieme con il recupero crediti e le cartolarizzazioni dei crediti deteriorati, merita di essere letto con la dovuta attenzione. Però qualche appunto permettetemi di farlo. Ne ho lette e sentite troppe quest’anno sulle BCC per non concedermi una punta di soddisfazione, adesso che il traguardo della loro riforma è prossimo. Non sarà un caso se, nei giorni della stretta finale della trattativa, sui giornali siano comparsi articoli che davano numeri allarmanti sullo stato di salute del Credito Cooperativo. Fossero stati veri, mai e poi mai il decreto del Governo (con il fiato dell’Europa sul collo e l’occhio vigile di Bankitalia) avrebbe accolto la proposta di autoriforma di Federcasse: in termini più espliciti, secondo voi, Padoan e Visco asseconderebbero una riforma scritta dalla stesse persone che avrebbero combinato il presunto disastro ?

Quello che sicuramente importava era dare contro alle BCC, gufare sulla loro tenuta.

Eppure autorevoli firme di testate nazionali hanno scritto che tot BCC non avrebbero mangiato le chiacchiere a carnevale e un altro centinaio di BCC sarebbero state da ricovero con codice rosso. Sarebbe interessante sapere la fonte di queste informazioni, ma so bene che i giornalisti non sono tenuti a farlo, né mi importa poi molto. Quello che sicuramente importava era dare contro alle BCC, gufare sulla loro tenuta. Parlando della mia, che esiste da 119 anni, posso dire che questa pratica potrebbe sortire l’effetto contrario. Come quando si dice che qualcuno è morto, e il risultato è di allungargli la vita.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta