E(li's)booksAppuntamenti a Vicenza: Corrado Augias e Il grande romanzo dei Vangeli. Venerdì 22 novembre

Ecco un incontro a cui parteciperò .Si svolgerà presso la libreria Galla 1880 Corso Palladio, 11Venerdì 22 Novembre ore 18.00 presentazione e firmacopie di Corrado Augias a VicenzaIl grande ...

Ecco un incontro a cui parteciperò .

Si svolgerà presso la libreria Galla 1880 Corso Palladio, 11

Venerdì 22 Novembre ore 18.00 presentazione e firmacopie di Corrado Augias a Vicenza

Il grande romanzo dei Vangeli

Einaudi

Cosa succederebbe se la storia del Vangelo fosse semplicemente una storia laica? Corrado Augias prova ad immaginarla così in “Il grande romanzo dei Vangeli”. Pensando di essere un uomo proveniente da un altro mondo, Augias dialoga con il grande storico del cristianesimo Giovanni Filoramo e gli chiede conto di una storia letta come un grande romanzo dove le vicende e i personaggi che si intrecciano sono molteplici. La storia è allora quella di un predicatore che ha sfidato tutti i poteri forti e che è andato contro l’ordine precostituito. L’accoglienza è stata estremamente diversificata: dall’amore più forte e assoluto all’odio feroce. Se il Vangelo lo leggessimo così, sarebbe ancora più avvincente e ancor più complesso da interpretare. Quello che fanno i due autori è cercare di capire le reazioni, le vicissitudini dei personaggi che si muovono intorno a Gesù e come le loro caratteristiche influiscano sull’andamento generale della storia. Gli stessi genitori del predicatore sono sempre stati descritti come fondamentali dai religiosi, ma nel Vangelo sembrano avere un ruolo quasi marginale: appaiono raramente e non in modo incisivo. Il padre, considerato come adottivo ai nostri tempi, sembra essere inerme davanti alle storie che accadono, mentre Maria è una madre in conflitto con il figlio. “Il grande romanzo dei Vangeli”, firmato da Corrado Augias a colloquio con Giovanni Filoramo svela così

Corrado Augias: giornalista, scrittore e conduttore televisivo. Dopo diverse esperienze giornalistiche come inviato per «L’Espresso», «Panorama» e «la Repubblica», approdò alla televisione e insieme al direttore di Raitre, Angelo Guglielmi, partecipò alla nascita della cosiddetta “TV-verità”, che cercava di istituire un rapporto il più diretto possibile con la realtà. Nacquero così Telefono giallo (1987-1993), una serie di inchieste a metà tra documentario e fiction su episodi della cronaca nera italiana – seguite da dibattiti in studio con testimoni o esperti che rispondevano alle domande dei telespettatori – e il programma di divulgazione culturale Babele (1990-1993), sorta di salotto letterario…

Augias sarà la stessa sera al teatro comunale con “L’eterno incanto di Venere. Da Prassitele a Modigliani”, ripercorrerà l’evoluzione del nudo artistico femminile, soffermandosi sulle ragioni sociali e politiche, che hanno segnato la sua storia. Il giornalista romano ricorderà lo scandalo suscitato dal famoso quadro L’origine du monde di Gustave Courbet fino ad arrivare ad Amedeo Modigliani e all’unica mostra personale avuta in vita, nella quale i quadri esposti valsero all’artista livornese l’intervento della forza pubblica e una citazione per oscenità.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta