BabeleTrucchi, Make up e Business, ecco i numeri del 2020

Un settore che non perde mai il suo potere, quello della cosmetica. Questo perché anche in tempi di crisi le donne, ma anche gli uomini, tengono in modo particolare ad apparire al meglio, e piuttos...

Un settore che non perde mai il suo potere, quello della cosmetica. Questo perché anche in tempi di crisi le donne, ma anche gli uomini, tengono in modo particolare ad apparire al meglio, e piuttosto tagliano su quelli che sono altri tipi di oggetti e di “sfizi”.

Per questo anche per il 2020 le tendenze relative alle industrie cosmetiche sembrano essere positive e promettere il meglio per tutto il resto dell’anno.

Settore della cosmetica, la crescita continua

Il settore della cosmetica, quindi, continua a crescere, e potrebbero farlo nel corso di tutto il 2020. I dati del Centro Studi di Cosmetica Italia sono confortanti anche per il nuovo anno. Nella chiusura del 2019 si sono avuti riscontri positivi, e a livello globale il fatturato cosmetico ha chiuso con un + 2,3%, arrivando ad un valore di 11,9 miliardi di euro.

Anche per il nuovo anno si può confermare questa tendenza, anche se potrebbero non essere floridissime le esportazioni, che sono cresciute un po’ meno. Nel corso dello scorso anno, infatti, il fatturato che è stato determinato dalle esportazioni ha raggiunto i 5 miliardi di euro, incidendo sulla bilancia commerciale per ben 2,9 miliardi di euro.

E per quanto riguarda il mercato interno? Sembra che questo 2020 possa prospettarsi positivo, soprattutto se verranno mantenuti gli attuali trend. Questi, infatti, hanno già visto una spesa totale per la cosmesi pari al 2% della spesa generale per gli italiani. E se lo scorso anno questo ha consentito di arrivare ad un valore di 10,3 miliardi di euro, si possono individuare analoghe previsioni anche per tutto il 2020.

Settore della cosmetica, l’importanza di alcuni dettagli

Sembra, inoltre, che il settore della cosmetica abbia visto, e continui a vedere, una particolare attenzione rivolta verso alcuni dettagli e alcune offerte. Un esempio si può vedere nell’importanza delle confezioni e sacchetti personalizzati nell’aumento delle vendite sia nei classici negozi che nel web. Sempre di più, infatti, le persone vogliono non solo regalare, ma regalarsi, qualcosa di assolutamente unico e personalizzato. Nel settore della cosmesi una delle aree più floride in assoluto per il nostro Paese è la Lombardia.

Infatti, questa è stata, e probabilmente continuerà ad essere, la regione dalla quale sono state effettuate le maggiori esportazioni nel mondo per quanto riguarda la cosmesi. Si para di un valore di 3,4 miliardi in totale, una cifra che conferma l’aumento del valore delle esportazioni in questo settore pari al 8,2%.

La città che ha totalizzato le maggiori esportazioni è stata Milano, con un +14,3% solo nel 2019, seguita da Bergamo, da Monza e da Lodi. E dove vanno a finire i prodotti cosmetici italiani? La prima destinazione è la Francia, seguita immediatamente dalla Germania e dagli Stati Uniti. Questo consente sicuramente di indicare non solo che il settore cosmetico non conosce crisi, anche nei periodi nei quali sia necessario affrontare sfide economiche, ma ha superato, sia nelle vendite interne sia a livello internazionale, quello del fashion, anche per i marchi più lussuosi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta