Notes da (ri)vedereAmazon favorisce la crescita economica del territorio reatino

JOHN MACDOUGALL / AFP

Amazon investe nella logistica e favorisce la crescita economica delle aziende del territorio. È quanto emerge dal nuovo studio di Nomisma dal titolo “L’impatto degli investimenti logistici di Amazon sui territori”, il quale vuole evidenziare i benefici dell’investimento realizzato da Amazon a livello territoriale. Scendiamo nel dettaglio e analizziamo i bilanci di oltre 1.300 imprese reatine operanti in tutti i comparti economici. «Le realtà logistiche insediate a meno di 20 minuti dal magazzino di Passo Corese – si legge nel documento – registrano un incremento del giro d’affari del 28% rispetto al 2,2% di quelle attive in località più distanti, nel triennio successivo all’apertura del sito nel 2017. La dinamicità del territorio indotta da Amazon ha avuto un impatto positivo anche per quelle aziende manifatturiere più prossime allo stabilimento: nel periodo 2017-2020, queste hanno registrato un incremento del volume d’affari di circa il 26%, contro un calo di fatturato del 1,1% degli operatori degli stessi comparti localizzati a oltre 20 minuti dal polo Amazon».

Nuova modalità dei consumi

L’affermazione economica di Amazon è stata agevolata dalla pandemia del Covid-19, rappresentando un vero e proprio cambio di paradigma economico e sociale dei consumi. Gli italiani hanno conosciuto la potenzialità dell’e-commerce stravolgendo le personali scelte riguardanti gli acquisti. Conviene sottolineare che il cambiamento di paradigma favorisce l’affermazione della tecnologia e della cultura del digitale. «È un fatto positivo – commenta Carlo Verdone, presidente di FederItaly (https://www.federitaly.it/) – che una multinazionale straniera promuova il territorio attraverso investimenti, favorendo di conseguenza l’occupazione di quelle località. Sebbene siano accadute spiacevoli situazioni relative al lavoro, subito rientrate nel rispetto delle leggi italiane, è importante che un’azienda investa anche in termini sociali e di vivibilità. Alludo a una maggiore attenzione verso l’ambiente, senza dimenticare la creazione di aree verdi che possano promuovere occasioni di svago, a beneficio degli abitanti del territorio. Gli investimenti sulla sostenibilità ambientale sono necessari perché rappresentano un volano economico per altri asset presenti nel luogo come il turismo. Allo stesso tempo non possiamo dimenticare una maggiore attenzione nei confronti delle microaziende, al fine di favorire un dialogo costruttivo in termini squisitamente economici. Sarebbe conveniente realizzare una partnership tra Amazon e gli stakeholder del territorio, proprio per evitare che questi grandi colossi rimangano soltanto cattedrali nel deserto. Maggiore sinergia e più coinvolgimento nel tessuto sociale possono diventare un valore aggiunto. A questo proposito è utile ricordare l’esempio della Ferrarelle di Riardo, in provincia di Caserta, che ha realizzato interventi a favore dell’ambiente».

Crescita economica del territorio

Il vantaggio economico del territorio derivante dagli investimenti di Amazon valorizza l’economia del luogo in diversi asset, creando maggiori opportunità occupazionali. «Nel periodo 2017-2020, il Sistema Locale del Lavoro più prossimo allo stabilimento ha avuto un aumento del +16% dell’occupazione, contro il + 3,7 della provincia di Rieti, dato che insieme alla contrazione del -5,2% del tasso di disoccupazione ha portato il territorio reatino a registrare la dinamica migliore dell’intera regione. Per quanto riguarda il mercato immobiliare, nei comuni prossimi allo stabilimento di Passo Corese nel periodo post insediamento di Amazon si è registrato un apprezzamento dei valori immobiliari del 20% per le abitazioni e del 30% per gli immobili produttivi. Come emerge dallo studio di Nomisma un’industria logistica integrata e innovativa può rappresentare un importante motore di crescita per i sistemi economici territoriali, con effetti sul tessuto sociale locale e in sinergia con politiche di sostenibilità ambientale. L’occupazione registra un trend di crescita progressiva e oggi arriva ad avere quasi 2.000 dipendenti a tempo indeterminato. Numeri positivi che confermano il ruolo di Amazon quale importante creatore di posti di lavoro, grazie agli oltre 14.000 dipendenti a tempo indeterminato impiegati in tutta Italia. Le opportunità lavorative hanno coinvolto le fasce più giovani della popolazione del territorio: oltre il 75% dei dipendenti di quel sito ha meno di 40 anni. Inoltre, oltre il 30% dei dipendenti è donna, a fronte di una media nazionale nello stesso comparto del 24%».

Francesco Fravolini

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter