versioni
10 Luglio Lug 2019 0600 10 luglio 2019

Non avete idea di cosa sia il degrado se non avete visto i Simpson sovietici

Rifare la celebre sigla della altrettanto celebre famiglia americana in un mondo diverso: quello desolato, violento e disperato delle periferie post-sovietiche. Farà riflettere

Simpsons Soviet Linkiesta

​Pensare ai Simpson come l’immagine di una famiglia disfunzionale è scorretto. Tutto sommato, nonostante le assurdità surreali che determinano le avventure di Bart e Homer, tutto si svolge all’interno del quadro, familiare anche se non sempre rassicurante, del cartone animato americano. Colori pastellati, assenza di ferite e dolori definitivi, tendenza allo humour semplice e all’ironia (non alla satira, oh no) che stempera ogni dramma, relativa ricomposizione finale della famiglia americana.

Insomma, i Simpson sono per stomaci deboli. Quelli forti invece apprezzeranno la versione russa post-sovietica, fatta dall’animatore Lenivko Kvadratjić, noto anche come Lazy Square, dove il disagio è vero, l’ambiente è desolante, i bulli picchiano forte e chi, come Lisa, suona il sassofono, incorre nelle violenze della polizia.

Anche la casa, che riproduce i vecchi palazzi a più piani sovietici, esprime uno squallore reale. La coppia non si ama né si sopporta e le botte, gli insulti e la mancanza di rispetto sono all’ordine del giorno. Insomma, una vera e propria definizione del degrado. Chi pensava che i Simpson raccontassero qualcosa di più della vita piccolo borghese di un suburb americano, dovrà rivedere la propria opinione.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook