Gommalacca
18 Novembre Nov 2019 0600 18 novembre 2019

Il rock è morto, ma ogni tanto risorge: il notevole album di Joseph Arthur



Cantautore misterioso, scoperto da Peter Gabriel, amato dai Rem, dai Coldplay, da Lou Reed e da molti altri colleghi, è rimasto sempre ai margini del circuito, nonostante abbia scritto una canzone epica, “In the Sun”. Il nuovo disco, “Come Back World”, è imperdibile

Joseph Arthur
particolare della copertina

Il rock è morto e sepolto, altro che never dies, ma ogni tanto esce un disco che riattiva l’emozione del tempo perduto. Sarà anche un’operazione nostalgica, rivolta agli ok boomer, chissenefrega, ma non è questo il caso: Come Back World è un album che fa venire i lucciconi.

Joseph Arthur, 48 anni, è uno dei grandi misteri del panorama musicale degli ultimi vent’anni. Autore di una ventina di album, nessuno dei quali di successo commerciale, Arthur è sempre rimasto ai margini del circuito che conta, nonostante sia stato scoperto da Peter Gabriel, sia venerato come un grande vecchio dai Rem, dai Coldplay, da Ben Harper e sia stato grande amico di Lou Reed, cui nel 2014 ha dedicato un fantastico disco di cover, Lou, capace di spogliare, rivestire e far rivivere completamente trasformate, al modo indie, capolavori come Walk on the Wild Side, Satellite of Love, NYC Man, Pale Blue Eyes, Coney Island Baby.

Arthur, poi, ha scritto una canzone formidabile, In the Sun, che da sola gli vale un posto nell’empireo del rock: ascoltate la sua versione originale, ma anche le sei tracce registrate nel 2006 in occasione di un’iniziativa benefica a favore delle vittime dell’uragano Katrina con Michael Stipe e con i Coldplay.

In the Sun è una canzone incredibile, classica del modo di scrivere di Joseph Arthur, ma cantata da Stipe e da Chris Martin sembra contemporaneamente il prototipo di un brano riuscito dei Rem e anche di uno dei Coldplay. E se ascoltate la versione che ha appena pubblicato Peter Gabriel, be’, sembra una canzone scritta da Peter Gabriel.

Come Back World parte con il brano che dà il titolo all’album e fin dal primo ascolto si fatica a staccarsene. È una canzone post depressione, come tutto il disco che contiene altre canzoni epiche, al punto che è difficile scegliere la più bella, quella da consigliare per avere subito un’idea dello spirito dell’album: una è certamente la title-track ma lo socno anche Seek and Find, Pale Fire e Make It True, così come la ballata Mayor of the Lower East Side e i pezzi più pop come Street Fire, Tomorrow Today, Biggest Mistake.

Vabbé, non si possono citare tutte, sono dieci: ascoltatelo.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook