Emanuele Rigitano
Ego politico
20 Maggio Mag 2016 0949 20 maggio 2016

Si chiamava Giacinto ma per noi bastava Marco

Dalai Lama With Marco Pannella
Foto: Marco Pannella con il Dalai Lama. Foto pubblicata su Flickr da dumplife (Mihai Romanciuc) su licenza CC BY 2.0

Marco Pannella era grosso. L’ho incrociato a dicembre su un treno Italo. Avevo bisogno di andare al bagno e, cambiando vagone, appena mi sono girato e ho visto un corpo ingombrante, sulla poltrona di quelle attorno al tavolo. Mi soffermo e incrocio la sua vista, per un attimo. Lui probabilmente avrà capito che l’ho riconosciuto ma mi sono diretto al bagno.

L’ho rivisto a febbraio, in tv stavolta. A Fuorionda (video), ma sembrava più piccolo. Sarà stato perché era accanto a Mario Adinolfi ma lo vedevo più dimesso del solito. Poche settimane dopo si è saputo dell’aggravarsi della sua salute, così abbiamo visto di politici e personaggi noti come Vasco Rossi (vedi video) e Antonello Venditti andarlo a trovare.

Oggi se n’è andato, spero evitando sofferenze gratuite come le battaglie radicali hanno sempre cercato di realizzare per tutti.

Non dimenticare lo spirito e le battaglie che ha fatto mi sembra il minimo. Non dimenticare certi valori, il credere nella libertà, nella democrazia, nei diritti, nelle persone come cittadini.

Si chiamava Giacinto ma per noi bastava Marco, quell’abruzzese indomito che ci ha regalato un’Italia più laica e moderna.

Guardate lo speciale ricordo di Radio Radicale.

Twitter: ema_rigitano
Facebook: Emanuele Rigitano

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook