I due Marchionne di Obama e Sacconi

I due Marchionne di Obama e Sacconi

«Shyster». In inglese non è una bella parola. Vuol dire avido, e una traduzione più aggressiva che incorpora un odioso retaggio antisemita legge addirittura «rabbino». Sergio Marchionne si è rivolto così all’amministrazione americana. Nella patria del capitalismo la politica, però, si prende sul serio. Richiesta di scuse immediate, subito accordate dal Lingotto. Più o meno nelle stesse ore, da noi, il Ministro Sacconi rassicurava: «Ho parlato con Marchionne, non lascerà l’Italia». Forse perché, di colpo, l’America sembrava ad alto rischio…

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta