Fazio in Rai? Lo chiediamo da contribuenti: lasciatecelo

Fazio in Rai? Lo chiediamo da contribuenti: lasciatecelo

Non siamo stati grandi fan di “Vieni via con me”. La trasmissione ci è parsa, a suo tempo, un po’ lenta e un po’ retorica. E le scivolate polemiche di Roberto Saviano nei confronti del ministro Maroni ci hanno convinto ancor meno. Ci è sembrata insomma una buona trasmissione con un sacco di difetti. 

Anche Fabio Fazio e il suo “Che tempo che fa” sono, naturalmente, criticabili. Chi dice sia odiosamente buonista. Chi dice che sia davvero troppo furbo e una domanda cattiva che sia una non la fa mai, nemmeno se si trova di fronte il diavolo. Chi dice – è Luciana Litizzetto – che emani un fastidioso odore di Coccolino.

Così, stamattina, leggendo la lettera che Fabio Fazio ha inviato a La Repubblica, non siamo vibrati di indignazione temendo la censura. Non abbiamo pensato che – se è tutto vero quel che scrive Fazio – siamo di fronte a un attentato mortale sferrato al cuore della cultura.

Ci siamo solo fatti una domanda, da cittadini, contribuenti e – nel nostro piccoli  editori: ma possibile che alla Rai siano così stupidi e/o in malafede da rinunciare così a quella gioiosa macchina da soldi che si chiama Fabio Fazio?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta