La Camera dice sì all’arresto di Papa. Il Senato salva Tedesco

La Camera dice sì all’arresto di Papa. Il Senato salva Tedesco

Con 319 voti favorevoli e 293 contrari, la Camera concede l’autorizzazione all’arresto del parlamentare del Pdl Alfonso Papa, nell’ambito dell’inchiesta sulla P4. Smentendo così le previsioni della vigilia.  Decisivo il sì della Lega Nord. 

Al termine di un lungo dibattito, Pierferdinando Casini chiede che il voto  sia palese e non segreto, come richiesto dal Pdl e dai responsabili. Il capogruppo del Pd Dario Franceschini annuncia che grazie a un accorgimento tecnico i deputati democratici faranno in modo che il loro voto sarà palese e chiede che anche la Lega si schieri per il voto palese. Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl, si è scagliato contro il giacobinismo, respingendo la richiesta di voto palese di Franceschini. Il presidente della Camera poi risponde a Crosetto, dicendo che non conosce in quale modo i deputati del Pd possano rendere palese un voto segreto, come annunciato dal capogruppo del partito di Bersani. 

Al Senato invece, con 151 no e 127 sì, respinta la richiesta di domiciliari per il senatore ex Pd Tedesco. Decisivo il Pdl. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta