Con Alberoni cade un muro al Corriere

Con Alberoni cade un muro al Corriere

Accade così, d’improvviso. Il mondo cambia davanti ai tuoi occhi e nemmeno te ne accorgi. Capita così, di lunedì, dando uno sguardo al Corriere della Sera. E resti semplicemente sconcertato leggendo il commiato di Francesco Alberoni e della sua rubrica “Pubblico e Privato”. Da venticinque anni lì, in basso a sinistra, a guidarci nel labirinto delle relazioni, dei sentimenti, degli affetti. E ora non ci sarà più. È un po’ come quando cade il Muro, oppure se a Londra eliminassero il thè delle cinque. Una rivoluzione, non di meno. Il direttore Ferruccio de Bortoli lo saluta con tre righe che non passeranno alla storia come l’addio più caloroso dell’editoria. E noi, un po’ orfani, penseremo allo scioglimento dei ghiacciai chiedendoci, in cuor nostro, se davvero qualcosa sta cambiando. I nostalgici potranno sempre aggrapparsi all’ultimo mito del lunedì: Aldo Biscardi. p.s. proprio ora, alle 19, apprendiamo dal sito Dagospia che l’immenso Alberoni troverà ospitalità sin da lunedì prossimo sulle colonne del Giornale. Non si prevedono file alle edicole.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta