Teheran preoccupata per la repressione. Dove? In Usa

Teheran preoccupata per la repressione. Dove? In Usa

L’Iran sposa la causa degli indignados anti-Wall Street e si dice preoccupato per la «crescente repressione di movimenti popolari pacifici» statunitensi. «Le manifestazioni pacifiche e spontanee del popolo americano nelle ultime settimane – sottolinea in una nota il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Ramin Mehmanparast – contestano le ingiuste politiche economiche e le infiltrazioni di alcuni potenti soggetti monetari e finanziari nella struttura politica e decisionale degli Stati Uniti».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta