La paccata della Fornero

La paccata della Fornero

Le parole d’ordine della riforma del lavoro sarebbero, secondo la ministra Fornero, inclusione e dinamicità. Poiché però la signora Elsa ha ben capito come funziona la comunicazione in questo Paese (ed è probabile il rappresentante del governo che meglio di tutti lo ha capito), nel rispondere al no dei sindacati ha utilizzato un termine che è un lasciapassare per approdare sulle prime pagine e nei titoli di testa dei tg: paccata. «Perché mai dovremmo mettere lì una paccata di miliardi per convincere chi adesso dice no?». Il linguaggio ha le sue nuances e le sue ambiguità e alla ministra della lacrima non sfuggirà il senso romanesco del termine paccata, vale a dire limonata, pomiciata. Il titolo è assicurato, cara ministra: «La Fornero dice no alla paccata».