Da Battiato a Vecchioni: “Fermate la pirateria”

Da Battiato a Vecchioni: “Fermate la pirateria”

Un video per ribadire quanto la pirateria stia distruggendo l’industria musicale. È la pensata delle Fimi, la Federazione dell’Industria Musicale Italiana, che ha messo davanti al cavalletto la crème de la crème della musica nostrana. Franco Battiato, Roberto Vecchioni, Gino Paoli, Caterina Caselli, Ludovico Einaudi, Ron, Mario Lavezzi e Mauro Pagani spiegano tutti insieme quanto sia importante “regolamentare l’utilizzo dei contenuti e garantendo la tutela dei diritti” e “fermare la pirateria digitale, che sta distruggendo l’industria culturale”.

Il video, prodotto dalla Federazione Editori Musicali e girato da Claudio Gallinella, ha già suscitato qualche polemica – Rockit lo ha definito “un disastro comunicativo” – e numerose ironie sugli interpreti, in particolare sulla loro età media. Certo, sentire Gino Paoli, a 77 anni, dire: “Di fronte a proposte di legge che potrebbero fermare la pirateria, i grandi social network e i motori di ricerca si oppongono” fa un certo effetto. Eppure, il video ha già totalizzato qualche migliaia di visualizzazioni.

Qualcuno, però, si chiede: “Ma davvero Megaupload è la causa della crisi dell’industria musicale?”.  

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta