È internet, bellezza, dove puoi anche spendere milioni ma non controlli le opinioni

È internet, bellezza, dove puoi anche spendere milioni ma non controlli le opinioni

È la dura legge del web. Quella che rende tutto orizzontale, tutto un po’ brutale, che fa sentire che si parte tutti da zero e quel che sembrava scontato sulla carta – qui, proprio qui dentro – non lo è più. Capita alle grandi firme, e anche alle grandi aziende, come Eni. Abituata a budget sontuosi e controlli capillari ad avere sempre un’informazioni a misura di se stessa, dopo giorni di campagna martellante sui super-sconti alle pompe, ecco che chi aveva una verità diversa da raccontare (automobilisti, cittadini, consumatori), ha trovato il modo di farlo. Risultato: 30 mila condivisioni su Facebook e una strategia tutta da reinventare. Vale per Eni, e non solo. Che fare? Neanche un’opa su Facebook, arrivati a questo punto, vi salverà…

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter