La Consob dà il via libera agli aumenti Unipol-FonSai

La Consob dà il via libera agli aumenti Unipol-FonSai

La Consob ha autorizzato la pubblicazione del prospetto informativo dell’aumento di capitale di 1,1 miliardi di Fondiaria Sai. Via libera anche alla analoga ricapitalizzazione di Unipol. L’offerta delle nuove azioni rimarrà partirà il 16 luglio e si protrarrà fino al 3 agosto. I diritti di opzione, validi per sottoscrivere le azioni, saranno negoziabili in Borsa dal 16 al 25 luglio compresi, ed esercitabili fino al 1 agosto.

Si scioglie così l’ultimo nodo amministrativo per l’avvio dell’operazione, dopo che ieri il Tar del Lazio ha respinto il ricorso di Sator e Palladio contro il provvedimento con cui l’Isvap ha autorizzato Unipol a rilevare il controllo di Premafin, FonSai e Milano Assicurazioni. Dopo aver esaminato le motivazioni dell’ordinanza del Tar, Sator e Palladio hanno annunciato che a giorni sarà presentato appello al Consiglio di Stato.

L’avvio dell’aumento è subordinato comunque alla costituzione del consorzio di garanzia per entrambi gli aumenti, a cui Mediobanca, regista dell’operazione, lavora da mesi, senza raccogliere fin qui grandi entusiasmi. Grazie anche alle generose commissioni pagate alle banche d’affari, comunque, la chiusura del consorzio dovrebbe arrivare entro domani mattina. Unipol, invece, garantirà l’eventuale inoptato relativo alla porzione dell’aumento di FonSai tramite azioni di risparmio (al massimo, 182 milioni di euro). 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta