La beffa sacrilega della carne di maiale nel kebab

La beffa sacrilega della carne di maiale nel kebab

Non c’è più religione. Dopo gli scandali delle polpette Ikea e dei tortellini “corretti” al cavallo, hanno trovato carne di maiale nel kebab. Accade in Danimarca: dopo una serie di indagini (partite proprio grazie allo scandalo della carne equina), le autorità per il controllo alimentare hanno scoperto che alcuni fornitori spacciavano suino per manzo, e vendevano i loro prodotti ai kebabbari di Copenhagen. E così hanno, allo stesso tempo, raggirato le regole sulla tracciabilità alimentare, tradito la fiducia dei clienti e infranto un tabù alimentare-religioso-secolare. Una truffa che ha, sotto sotto, il sapore della provocazione. E sa di maiale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta