È possibile cinguettare senza avere un profilo Twitter?

Turchia e tradizioni

In un piccolo paese sulle fertili pendenze della costa turca del Mar Nero, c’è un popolo che – pur non avendo nessun profilo su Twitter – cinguetta tutto il giorno. Da secoli, infatti, i residenti di Kuskoy (in Turchia) comunicano utilizzando una serie elaborata di fischi, chiamata letteralmente «il linguaggio degli uccelli».

Il modo d’esprimersi è essenzialmente un dialetto fischiato del turco, nel quale ogni sillaba è pronunciata con un suono differente. La particolarità incondizionata di questa tradizione teme però il sopraggiungere dei nuovi strumenti digitali, come afferma un coltivatore di tè 35enne al Wall Street Journal:

«Noi amiamo questa tradizione, ma di questi tempi i nostri bambini non lasciano mai il loro cellulare. Vorrei che imparassero questo linguaggio ma è difficile quando non ne fanno lo stesso uso che ne facevamo noi anni fa».  

È inoltre presente un festival annuale che ha lo scopo di promuovere questo «linguaggio degli uccelli», aumentando il turismo in una zona che solitamente non ospita un grande flusso di visitatori, come spiega Mr. Kocek:

«Sappiamo che il mondo sta parlando del nuovo tipo di tweeting, ma vogliamo mostrare a tutti anche il nostro cinguettio più tradizionale».

Sopravviverà nell’era digitale?

Twitter: @giovanniferrar

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta