Pechino Express: l’Oriente si fa estremo su Rai 2

L’8 settembre partirà il nuovo reality

Pechino Express, il docureality di Rai 2, è giunto alla sua seconda edizione. La prima puntata verrà trasmessa domenica 8 settembre alle 21.05, seguita dalla seconda lunedì 9 settembre alle 21.10. La Rai ha fatto una scelta audace quest’anno puntando su un ex concorrente come conduttore: Costantino della Gherardesca. Una scelta moderna e coraggiosa che fa ben sperare sull’evoluzione della televisione di intrattenimento essendo Costantino una figura notoriamente al di fuori delle solite gerarchie televisive.

La nostra blogger Alessia Glaviano ha chiesto a Costantino della Gherardesca in che modo si articolerà il suo viaggio. E non solo. 

Costantino della Gherardesca (courtesy press office)

Cosa hai pensato quando ti hanno comunicato che quest’anno avresti condotto Pechino Express?
Ho provato una sensazione di sollievo. Godo di manie di persecuzione e sono convinto che la televisione sia piena di cellule di democristiani ortodossi e sicari di Carlo Giovanardi pronti a farmi fuori. Mi sono detto “adesso forse, visto che mi fanno condurre un programma, fino a Natale sopravviverò”.

Cosa fai per prepararti al viaggio?
Vaccini. Tantissimi vaccini. Adoro i vaccini. 

Cosa c’è nella tua valigia? Mi dai qualche ispirazione moda?
La maggior parte degli abiti nella mia valigia sono di Aspesi, che usa il miglior cotone giapponese, alcuni fatti su misura nella mia taglia midwestern perché normalmente vestono molto poco. Oltre ad Aspesi ho un paio di cose di Cristina Bomba a Roma, altre di Prada, moltissime trovate nei mercatini di Porta Palazzo a Torino. Il tutto, ovviamente, farà una brutta fine. 

Cosa ti manca di più in viaggio? Cosa di meno?
Il “viaggio” di Pechino Express sarà sicuramente spettacolare, lo amo follemente, ma non è un viaggio normale per una persona come me. Quando viaggio per piacere vado in Scozia, ad esempio, e resto lì per un mese, senza muovermi. Con Pechino, anche da conduttore, avrò l’occasione di vedere dei luoghi incredibili spostandomi centinaia, a volte migliaia, di chilometri ogni giorno. Il piano di produzione prevede sveglie alle 5 del mattino, anche prima… Si dorme poco. Tutto questo per dire che mi mancherà, come l’anno scorso, la stabilità e il riposo. La cosa che manca di meno durante questi viaggi stroardinari è il telefono, non sentire il telefono che squilla è meraviglioso.

Tu che sei notoriamente un fobico, per tutti i fobici del mondo potresti dirci come hai fatto già l’anno scorso a fare una cosa del genere e addirittura a ripeterti in veste di conduttore quest’anno?
Ne ho parlato con la psicanalista e lei sostiene che io tollero la folla in India ma non, ad esempio, quella davanti al Duomo perché riconosco l’India come una situazione “straordinaria” e, anche se non lo è, “pericolosa”. In poche parole l’adrenalina sospende le fobie. Forse se vivessi a Ginevra non mi verrebbero fobie a Milano. 

Il promo di Pechino Express 2(courtesy press office)

Puoi dirci qualcosa sulle tappe? 
I concorrenti partiranno da Hanoi, nel Vietnam del Nord, una delle città più eleganti del mondo. Dovranno attraversare tutta la Repubblica socialista fino a Ho Chi Minh (Saigon). A quel punto risaliranno verso nord attraverso tutta la Cambogia, inclusa una zona di giungla molto difficile dove solitamente non vanno nemmeno i viaggiatori più sporchi e incalliti. Dopo la Cambogia dovranno andare in Laos e farsi tutti i passi delle montagne da Vientiane fino a Huay Xai, trovando alloggio per la notte nei villaggi rurali che capitano. Non sarà semplice nemmeno per la troupe. Una volta percorso il Laos attraverseranno il Mekong ed entreranno in Thailandia. A quel punto diventerà una gara abbastanza spietata, credo.

Dobbiamo aspettarci un Costantino “resized”, ovvero politically correct?
Mah, secondo me io sono politically correct per l’Europa in cui siamo. Detto questo, durante Pechino Express farò un passo indietro, sarò al servizio del programma, mica è il mio show… Spero solo che i viaggiatori non facciano i buoni e falsi davanti alle telecamere. Ecco, se lo fanno mi arrabbierò perché quella è l’unica cosa che non posso assolutamente tollerare. 

Come hai fatto a non dimagrire nonostante gli stenti l’anno scorso? Quest’anno ti prefiggi di perdere qualche chilo?
Sicuramente ingrasserò, io dimagrisco solo in luoghi ricchissimi dove il cibo è controllato e sano.

Come sarà il tuo Pechino Express? Se fosse un dolce quale sarebbe? Se fosse un disco? Una foto? Un film? 
Se fosse un dolce sarebbe una zuppa inglese, se fosse un disco sarebbe un qualcosina dei Pink Fairies e se fosse un film Franco e Ciccio’s Indochine

I concorrenti (courtesy press office)

Il fatto che la Rai abbia scelto te come conduttore fa ben sperare in un’evoluzione positiva della televisione di intrattenimento. A tuo parere quali caratteristiche deve avere un programma per essere di successo?
Per farla breve, un programma televisivo deve essere informato e gli autori devono essere coraggiosi, cosa molto rara. Non bisogna sottovalutare il pubblico. 

Che consigli daresti a chi volesse fare un viaggio simile?
Il portiere di Cristiano Rinaldi, il capo progetto di Pechino Express della Magnolia, ha rifatto l’itinerario dell’anno scorso attraversando la zona dell’India che abbiamo attraversato noi, e non quella turistica. Ha voluto farlo a tutti i costi dopo aver visto il programma. Peraltro con la sua ragazza, in una specie di luna di miele. È stato, ovviamente, un disastro. Si è beccato varie malattie ed è rientrato sconvolto. In compenso, al contrario di me, ha perso più di 10 chili. 

In tempi di recessione diamo qualche consiglio agli italiani: visto che ne hai condotto un campione rappresentativo all’opera in situazioni estreme e senza una lira, dacci una top ten di metodi di risparmio.
In tutta Italia sono la persona meno adatta a cui fare questa domanda. Comunque ci provo, ecco i metodi di risparmio in nessun ordine particolare:

  1. Non possedete carte di credito
  2. Non comprate cosmetici che non siano un sapone e una crema anallergica tipo Stiefel. Nel caso di invecchiamento eccessivo fate direttamente un lifting senza spendere soldi in cazzate
  3. Rimanete il lunedì sera a casa a guardare Pechino Express
  4. Non collezionate oggetti, che siano dischi per gli uomini o scarpe per le donne. Comprate solo i dischi e le scarpe essenziali e non quelle “divertenti”. Musica e scarpe di merda non fanno più ridere dagli anni 2000
  5. Sterilizzate gli animali domestici e anche voi stessi
  6. Utilizzate software liberi come Ubuntu
  7. Comprate solo auto bicilindriche
  8. Fate amicizia solo con medici, dentisti e avvocati. Evitate le persone simpatiche perché sono quasi sempre indebitate
  9. Mangiate (vegano), fatevi la ceretta, e tagliatevi i capelli in casa. Non usate tinte contenenti ammoniaca e perossido di idrogeno che causano solo ulteriori problemi
  10. Per le vacanze evitate i luoghi che suggerisce la Lonely Planet, sono troppo costosi. Se volete stare al caldo magari trovate un lavoretto part-time per un’impresa edile in Dubai

Cosa dici delle coppie di quest’anno?
Sono sfrenate e mentalmente instabili. Perfette, direi. Daniel Mendoza, l’urologo, fa riderissimo. Quando l’ho incontrato ho visto un ragazzo prepotente che ama il cibo e dice solo cazzate, un fratello spirituale praticamente. Alessio Sakara e il suo amico Stefano sono buonissimi e simpaticissimi. Sono un po’ preoccupato per Massimo Ciavarro vista l’età, ma secondo me ce la farà. Per quanto riguarda le donne ho un debole per Francesca Fioretti perché mi ricorda mia nipote Anna, la sorella di Barù. Detto questo non può assolutamente pensare di ricevere un trattamento preferenziale. Quando ho incontrato la Marchesa Daniela del Secco d’Aragona sono rimasto senza parole, il pubblico non ci potrà credere e nemmeno le Guardie di Finanza all’ascolto. Per quanto riguarda Corinne Clery mi sono commosso quando l’ho vista col suo fidanzato Angelo Costabile, 30 anni più giovane, con cui sta vivendo una meravigliosa storia d’amore. Per loro Pechino Express sarà una bellissima luna di miele attraverso l’Indocina. Corinne è la nostra Catherine Deneuve e Angelo il nostro Vincent Perez.  

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta