La rivoluzione delle larghe intese: votare in un giorno

Le novità della legge di Stabilità

È cominciato il percorso della legge di Stabilità, tra numeri che ballano e il solito rischio dell’assalto alla diligenza in Parlamento. Finora c’è un’unica certezza: si voterà in un giorno solo, la domenica, invece che in due, per risparmiare un po’ dei circa 400 milioni necessari per le elezioni. Quindi basta lunghi weekend elettorali dalle sette di mattina della domenica alle 15:00 del lunedì: si voterà nell’arco di ventiquattr’ore. In realtà non è la prima volta che la politica cerca di mettere mano ai propri costi, proprio a questa voce: la “manovra” 2011 dell’allora governo Berlusconi, all’articolo 8 prevedeva già l’istituzione di un election day (all’articolo 7). Speriamo che sia la volta buona. Ma ci volevano le larghe intese per fare un provvedimento di puro buonsenso, come c’è in tutti i Paesi civili?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta