Gorky ParkL’Ucraina ferma l’accordo con l’Unione Europea

Analisi

Il governo di Kiev ha deciso di sospendere la sottoscrizione dell’Accordo di associazione con L’Unione Europea, comprendente l’intesa per la creazione di un’area di libero scambio, che avrebbe portato Kiev verso la strada di Bruxelles, sottraendola all’orbita della Russia. La firma era prevista per il 28 novembre e la liberazione di Yulia Tymoshenko era tra le condizioni imprescindibili poste dalla Ue per la sottoscrizione dell’accordo. 

Per motivare la decisione presa, il premier ucraino Mikola Azarov è intervenuto in Parlamento precisando che la scelta è dovuta solo a «motivi economici » e che «non cambia la direzione strategica del Paese». L’integrazione europea – ha affermato il premier ucraino – rimane un obiettivo del governo di Kiev, ma il rilancio delle relazioni con la Russia è una priorità. 

Questa notte, dopo la decisione del governo, circa 2000 persone hanno protestato in piazza Maidan, a Kiev, mentre altre manifestazioni si sono svolte a Uzhgorod, Ivano-Frankivsk, Lutsk e Leopoli, tutte città dell’Ucraina occidentale – culturalmente e linguisticamente meno legata alla Russia -, ma anche a Donetsk.

La nosta analisi sulla questione:

Quali sono le relazioni economiche che legano l’Ucraina alla Russia? Ce ne parla Stefano Grazioli in questo articolo:

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta