Il talento ha rendimenti migliori se non è discriminato

Il talento ha rendimenti migliori se non è discriminato

Sembra esistere una correlazione negativa a livello di paese fra contesto socio-economico della famiglia di provenienza e il grado di competenze nella comprensione del testo: una scuola più inclusiva, ovvero in cui i background economici e sociali delle famiglie non hanno un grande peso nel processo di apprendimento sembra quindi avere risultati migliori in media: il talento ha più alti rendimenti se non discriminato. Interessante notare come molti paesi del G7 (Italia, Germania, Francia, Regno Unito e Stati Uniti) si posizionino nel quadrante di nord-ovest, ovvero non brillano né in quanto a inclusività né in termini relativi per quanto riguarda il livello di competenze. A questo riguardo da notare la distanza abissale dalla media del nostro paese, per quanto riguarda il secondo indicatore.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter