Reverse Graffiti, la bruttezza grattata via dai muri

Arte metropolitana

Il reverse graffiti è come il negativo della fotografia. Si lavora al contrario: invece che dipingere sui muri aggiungendo la vernice e i colori, si toglie polvere e sporco, liberando la superficie sottostante con disegni e opere d’arte. È meno invasivo e più ecologico, non richiede l’uso di spray, inchiostri e altr sostanze chimiche.

Viene chiamato anche “clean tagging” o “dust tagging”. Più o meno, è la versione artistica del classico “Lavami” sui vetri delle auto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta