Lo stato disastroso dell’informazione e della cultura

Lo stato disastroso dell’informazione e della cultura

Non passa mese senza che dati sul mercato dei libri, sulle vendite di giornali, sui dati di ascolto dei telegiornali non smettano di segnalare lo stato disastroso dell’informazione e della cultura in Italia. I Big Data di Google sembrano confermare tale impressione. Le attività di ricerca legate ai telegiornali, all’editoria, alle biblioteche e librerie – tutte fortemente correlate fra loro -, hanno un trend vistoso negativo, se normalizzate rispetto ad altre attività di ricerca. Non vi è nulla di cui gioire in tutto ciò. Un paese senza interesse per ciò che accade intorno a sé, o senza domanda di cultura, è un paese che sta disastrosamente regredendo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta