Viaggio in una città non più incantata: Pyongyang

Viaggio in una città non più incantata: Pyongyang

I coreani del nord non godono di ottima stampa. Eppure sono molti i filmati, gli articoli e il materiale diffuso in rete che raccontano la bellezza del Paese e della sua capitale. Sembra quasi un modo per rassicurare il pubblico straniero, molto diffidente di fronte alle stranezze di un mondo molto chiuso e poco democratico (pochissimo, in verità).

Bene, “Enter Pyongyang” è uno di questi: una collaborazione tra JT Singh, pioniere del city branding e il videomaker Rob Whitworth. Il video mescola immagini in timelapse, slow motion e accelerazioni, animazione HD e digitale.

Il filmato racconta il volto di una città che sta cambiando in fretta, dopo anni di immobilismo. I cellulari sono sempre più diffusi, i turisti aumentano, si fanno anche maratone. Insomma, quello che si vede qui è un mondo che supera ogni cliché. Pyongyang non è (non più, almeno) una città incantata e incatenata al passato: c’è fierezza per le proprie tradizioni, ma anche uno spiraglio di apertura al nuovo. Almeno, è quello che si apprende da questo video. Se volete verificare, basta prenotare e partire.

Enter Pyongyang from JT Singh on Vimeo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta