Italia maglia nera d’Europa in competitività

Italia maglia nera d’Europa in competitività

Ancora una brutta notizia per la competitività italiana, che secondo il Global Competitiveness Report 2014-2015 del World Economic Forum si trova anche quest’anno nelle posizioni di rincalzo, confermando il 49° posto su 144 paesi dello scorso anno, dietro a tutte le maggiori economie europee e mondiali, superata anche da Panama, Azerbaijan e Mauritius. In Europa fanno peggio di noi paesi come Bulgaria, Romania e Grecia.

Clicca qui per vedere tutta la classifica

Il rapporto offre una valutazione della competitività di ciascun Paese (così come percepita dai manager) sulla base della performance degli indicatori, che possono essere classificati in tre macroaree: requisiti di base (istituzioni, infrastrutture, ambiente macroeconomico, sanità e istruzione di base); stimolatori dell’efficienza (alta formazione, efficienza dei mercati dei beni, efficienza del mercato del lavoro, sviluppo del mercato finanziario, sviluppo tecnologico, dimensioni del mercato) e fattori di innovazione e sofisticatezza (sofisticatezza del business e innovazione).

Rispetto alle altre economie più avanzate, l’Italia mostra punti di debolezza sui fondamentali, come il funzionamento delle istituzioni (in cui si classifica al 106° posto su 144), la scarsa efficienza del mercato del lavoro (136°), la pressione fiscale (134°), criticità dell’attuale scenario macroeconomico (108°) e efficienza del governo (143°). Tra i punti di forza, invece la sofisticatezza del business (25°) e le dimensioni del mercato locale (12°).

Ecco la lista completa dei fattori che rendono “problematico” fare affari in Italia

Clicca per ingrandire la tabella